logo
CONTATTI

Un metodo di studio che responsabilizza gli allievi

Lavorare come docente in una scuola professionale è molto impegnativo oltre che molto gratificante.

Vedere questi ragazzini arrivati in prima superiore, spesso intimoriti e insicuri del percorso che devono intraprendere, diventare nel corso dei quattro anni dei professionisti è una delle maggiori soddisfazioni che questo lavoro regala.

Certamente per arrivare a questi risultati serve una buona dose di buona volontà e di pazienza da parte di entrambe le categorie (studenti e docenti).

Per quanto riguarda la materie professionali di laboratorio, teorico e pratico, solitamente è soprattutto la parte pratica ad entusiasmare i ragazzi, che non vedono l’ora di eseguire concretamente quello che studiano teoricamente.

Ritengo che sia molto importante per i nostri ragazzi, oltre ad imparare la cultura grazie alle materie dell’area di base, essere preparati adeguatamente ad entrare nel mondo del lavoro.

Per quanto mi riguarda cerco di responsabilizzarli nel corso delle lezioni sull’importanza dell’atteggiamento, ricreando, per quanto possibile in laboratorio, un ambiente il più simile ad un salone dì acconciatura, dove ognuno deve lavorare in modo professionale, tenendo in ordine la postazione e il proprio materiale.

Le lezioni si svolgono in questo modo: nella prima parte viene spiegato teoricamente il nuovo argomento (come il montaggio della messa in piega a bigodini), dopodiché in laboratorio si esegue una dimostrazione pratica, in modo da dare ai ragazzi la possibilità di osservare il lavoro vero e proprio da vicino (cosa fondamentale); la fase successiva infatti consiste nell’esecuzione del montaggio dei bigodini da parte dei ragazzi, che dapprima imparano a lavorare in modo preciso ma senza tempistiche, mentre in un secondo momento devono rispettare tempistiche stabilite dal docente.

L’ultima fase consiste in un’autovalutazione del lavoro svolto, che serve ai ragazzi per notare gli errori e imparare a risolverli in autonomia.

A mio parere, è molto importante capire che lavorare bene rispettando i tempi commerciali è fondamentale per nostra professione.

Anche se spesso nell’immaginario collettivo si associano le scuole professionali ad un ambiente dove lo studio non è essenziale, credo che, se da una parte avere tante ore di materie professionali pregiudichi il tempo allo studio, d’altro canto i nostri alunni debbano per forza di cose crescere più in fretta data l’alternanza scuola / lavoro presente già dal secondo anno di studi.

Ritengo che questo metodo di insegnamento, che tende a responsabilizzare i ragazzi, li aiuti a crescere e ad approcciarsi al mondo del lavoro in maniera più serena e sapendo risolvere in autonomia i problemi che potrebbero presentarsi.

Prof.ssa Mossali

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *